Aereo: Una donna cerca di imbarcarsi su un volo con un bambino nel suo bagaglio a mano

Aereo: Una donna cerca di imbarcarsi su un volo con un bambino nel suo bagaglio a mano

Loading...

 

 

Cerca di imbarcarsi sull’aereo

Una donna, Jennifer Erin Talbot, di 43 anni, è stata arrestata dalle autorità mentre cercava di salire su di un aereo di linea. Incredibile da credersi, ma la donna  ha cercato di nascondere  un neonato di origini filippine, nel suo bagaglio a mano.

Loading...

aereo

 

Stava per imbarcarsi sul volo che da Manila l’avrebbe portata a Detroit, quando fu fermata da funzionari filippini, dell’immigrazione all’aeroporto di Ninoy Aquino.

Le autorità controllando le telecamere di sicurezze, hanno notato che la donna mostrava uno strano atteggiamento, non consono agli altri passeggeri.

aereo

 

La donna, da prima nascose il bambino nel suo bagaglio a mano, poi lo tirò fuori dopo aver superato il controllo di sicurezza. Non immaginava minimamente, che questo suo gesto,  avrebbe suscitato i sospetti dei funzionari del terminal.

Quando è stata fermata, non è riuscita a dare spiegazioni al dipartimento per l’immigrazione delle Filippine. All’inizio ha dichiarato che il bambino era suo nipote, ma non è stata in grado di provarlo, perché non aveva alcun documento che lo comprovasse.

Dopo aver scoperto i piani della donna, la compagnia aerea, ha avvisato la polizia, ed ha arrestato la donna americana.

aereo

Jennifer, ha presentato una dichiarazione giurata della presunta madre del bambino, che l’avrebbe autorizzata a viaggiare negli Stati Uniti con il bambino. Il documento, però non riportava alcuna firma. Il bimbo è stato affidato agli assistenti sociali.

Finora non è stato possibile sapere dove si trovino i genitori del bambino, che potrebbero anche essere accusati di infrangere le leggi sulla protezione dei minori.

Il caso ha suscitato scalpore nell’opinione pubblica. A molti sembra insolito, che la donna sia stata in grado di passare il controllo di sicurezza dell’aeroporto, ed è stato solo dopo, che è si è scoperto il caso.

 

 

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: